Scovolino interdentale: cos’è, come si usa e vantaggi

Cos’è lo scovolino?

Lo scovolino interdentale è un particolare strumento da utilizzare insieme allo spazzolino per una corretta igiene orale. Ha una testina con una parte centrale in metallo semi flessibile. Su di essa sono inserite le setole di variabile lunghezza e calibro, poste in modo da formare un cono o un cilindretto. Ha poi un manico sottile in plastica o metallo per dirigerlo tra i denti.

A cosa serve?

Lo scovolino è particolarmente utile per rimuovere placca batterica e residui di cibo che restano inseriti tra i denti. Insomma lo dovete Scovolino per denti: cos'è, come si usa e vantaggiusare al posto del dannoso stuzzicadenti. Negli spazi interdentali, infatti, lo spazzolino non riesce a detergere correttamente e lo scovolino completa così la pulizia. Sia ben chiaro, però, che non sostituisce lo spazzolino ma ne completa l’azione, contribuendo all’eliminazione di carie, gengiviti e ascessi dentali.  Oltre a completare e perfezionare l’igiene orale, un ulteriore vantaggio dello scovolino risiede nella sua attività di massaggio gengivale, stimolando con la sua azione la circolazione sanguigna delle papille gengivali. Proprio per quest’azione è importante che lo usino tutti i pazienti affetti da parodontopatia (Gengive ritirate). E’ particolarmente utile in presenza di otturazioni, capsule o ponti, apparecchi ortodontici e impianti dentali.

 Come si utilizza lo scovolino?

Deve essere inserito delicatamente negli spazi interdentali e fatto scorrere con un movimento di va e vieni per un paio di volte, inclinandolo verso il basso nell’arcata superiore e verso l’alto nell’arcata inferiore. Bisogna tenerlo un po’ inclinato e poi raddrizzarlo per farlo penetrare completamente.
Dopo lo tirate fuori con delicatezza e avrete completato la pulizia di quello spazio interdentale. Deve essere usato almeno una volta al giorno, meglio se utilizzato prima di andare a letto. Come per lo spazzolino va cambiato ogni due settimane circa, quando notate che le setole hanno perso la loro elasticità.

Scovolino o filo interdentale: qual’è più efficace?

Lo scovolino è più utile soprattutto nei pazienti che soffrono di parodontopatia con spazi interdentali ampi o normali. Risulta inefficace oaddirittura dannoso se tali spazi sono oltremodo ristretti (denti storti e affollati) per malocclusione.

Non esitare a contattarci per prenotare una visita di controllo presso il nostro studio dentistico di Bari, troverai qui i recapiti necessari: